La Masticazione: cos’è e quando rivolgersi all’ortodontista

26 Novembre 2019
https://www.sorridibene.it/wp-content/uploads/2019/11/1241-1024x540.jpg

 

Quando decidi di rivolgerti all’ortodontista hai probabilmente l’obiettivo di migliorare l’aspetto del tuo sorriso. Ma hai mai pensato di migliorare la masticazione?

La masticazione è una funzione altamente complessa che mette in moto molti muscoli della mandibola.

Masticazione corretta

La masticazione è corretta quando si riesce a masticare da tutti e due i lati e ad adattare la forza alla consistenza del cibo. La forza iniziale è meno intensa e il movimento è più lento: il cervello deve capire cosa abbiamo tra i denti. Successivamente la forza aumenta e iniziamo a muovere ritmicamente la bocca avvicinando i denti. Durante questo lavoro il cibo si sposta lateralmente a destra e sinistra.

Il ruolo dei denti nella masticazione

I denti hanno una forma diversa perché ciascuno di loro assolve ad un compito specifico:

  • Gli incisivi incidono il cibo: sono proprio loro che danno il morso ad un panino! Inoltre, hanno una funzione importantissima di guida del movimento verso l’avanti della mandibola, per proteggere i denti e non avere deviazioni nel movimento della masticazione.
  • I canini, oltre a strappare il cibo, sono più lunghi, appuntiti e con radici più lunghe e forti perché sono i denti che toccano maggiormente durante lo spostamento laterale.
  • I premolari servono a fare i primi movimenti di schiacciamento del cibo, per ridurne le dimensioni.
  • I molari, con le loro ampie superfici masticanti, riducono in poltiglia il cibo e lo preparano per la deglutizione.

In realtà, quando mangiamo, i denti non si toccano tra le due arcate dentarie: si avvicinano, si sfiorano e si allontanano ritmicamente, mentre guance e lingua spostano il bolo alimentare. Il movimento che compiono non è verticale, ma si compiono dei cerchi di verso opposto tra lato destro e sinistro, e di ampiezza variabile a seconda della consistenza del cibo.

Masticazione e malocclusione

Se i denti non sono correttamente allineati, durante la masticazione i muscoli sono costretti a compiere movimenti aggiuntivi per evitare che i denti storti sbattano tra loro. Questo superlavoro della muscolatura masticatoria può provocare accumulo di acido lattico con conseguenze dolorose e affaticamento. Inoltre, possono danneggiarsi le articolazioni tra la mandibola e il cranio (articolazioni temporo-mandibolari).

Masticando male, siamo più esposti a problemi digestivi con conseguenze anche serie. Un problema di masticazione può anche ripercuotersi sulla postura, soprattutto a livello della colonna cervicale e delle spalle. Se un bambino mastica male durante lo sviluppo, anche il viso può crescere asimmetrico e la malocclusione iniziale può peggiorare.

L’ortodontista, spostando i denti, modifica l’occlusione cercando di armonizzare il movimento masticatorio. Per fare questo, per ogni dente cerca di raggiungere una posizione ben definita nei tre piani dello spazio e lungo le arcate. È un gran lavoro per un grande obiettivo: migliorare la qualità della vita!

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato sugli ultimi approfondimenti. Ogni mese tratteremo una tematica di interesse per fornirti gli strumenti di valutazione e le linee guida per saper scegliere con consapevolezza ortodontisti e terapie.

    https://www.sorridibene.it/wp-content/uploads/2017/04/logo-sorridibene@1x.png

    Sorridibene è il portale informativo sull’ortodonzia offerto dalla società italiana degli ortodontisti S.I.D.O.

    Seguici sui Social Network per leggere i nostri consigli dedicati a te!

    Chiedi All'ortodontista

      © 2017 SIDO – Tutti i diritti riservati –   P.Iva: 09912490159 – Privacy Cookies